SANTUARIO

DELLA MADONNA DI BISACCIA

La tradizione vuole che il santuario sia stato edificato dopo che "Tra i ruderi di Bisaccia, fu rinvenuto un quadro della Vergine con Gesù Bambino sulle braccia". Esso è un quadro del XXII secolo di ignoto autore. Il dipinto è posto in cornice artisticamente lavorata con fregi e dorature. La pittura è pregievole e espressiva ma per i ritocchi e per le tinte rinnovante è alquanto danneggiato.

In onore del rinvenuto simulacro la pietà dei fedeli eresse una Cappella sul luogo, in capo alla valle omonima in vetta ad un blocco di tufo marino.

Lo scenario è unico, suggestivo quasi surreale. Una piccola grotta ricoperta di antiche conchiglie e fossili è circondata dallo straordinario paesaggio dei calanchi.

La cappella, poi, resa sempre più inaccessibile per due forre apertivisi ai fianchi e crollante per frane, fu abbandonata.

Nel 1812 si edificò la nuova chiesa poca discosta dall'antica,divenuto santuario e luogo di devozione di Maria SS. di Bisaccia che si tramandò con crescente fervore alla posterità montenerese. La devota popolazione, accesa da religioso entusiasmo, volle alla sua protettrice ampliare il tempio di grandiose proporzioni. 

Clicca qui per gli approfondimenti dall'Archivio dello storico locale A. Paterno

Associazione Pietrangolare

Piazza Duomo, 3 - Termoli (CB)

infopietrangolare@gmail.com

Tel. 377 094 4933

 

Iscriviti!

© 2023 by Going Places. Proudly created with Wix.com

  • White Facebook Icon